CUSTOMER SPOTLIGHT: Mid-South Transplant Foundation, Inc. Convalida e implementazione del test C3d

Come ben noto a tutti i laboratori di istocompatibilità, il test di citotossicità complementare-dipendente (CDC) si rivela dispendioso in termini di tempo e noioso quando si valutano gli sforzi necessari per verificare l'affidabilità dei reagenti (QC), la preparazione dei supporti e l'esecuzione dei test di proficiency. La Mid-South Transplant Foundation (MSTF) è un'organizzazione privata e senza scopo di lucro per l'approvvigionamento di organi ed è anche un laboratorio HLA che offre supporto agli ospedali in Tennessee, Arkansas e Mississippi.

Nel 2012 e nel 2014, i centri trapianto supportati dal MSTF sono stati sottoposti a valutare il test C1q. Nel 2015, MSTF ha eseguito uno studio di convalida tra C1q e C3d con risultati accettabili in entrambi i test. Brett D. Loehmann, CHS e il team di MSTF hanno successivamente deciso di utilizzare l'Immucor LIFECODES® C3d Detection Assay per scopi clinici.

La Via Classica è la modalità più diffusa per l'attivazione del complemento e ha inizio con il legame della porzione C1q del complesso C1 alla porzione Fc degli anticorpi catturati dagli antigeni sulla superficie delle cellule. Uno dei prodotti a valle della cascata è il C4d che si lega in modo covalente vicino al sito di attivazione e costituisce quindi un buon marker per la rilevazione del rigetto mediato da anticorpi (AMR). Il C3d si forma alla fine della cascata e dimostra che la cascata è andata a buon fine.

Inoltre, poiché C3d è a valle di C4d, se è in presenza del C3d, è più probabile che si sia verificata la deposizione del C4d, supportando la decisione di MSTF di utilizzare il test C3d. A seguito di una convalida semplice ed immediata, MSTF ha iniziato a classificare gli anticorpi come IgG+/C3d+ e IgG+/C3d- quando ha prodotto i risultati per i centri di trapianto. Attualmente, due centri di trapianto, che collaborano con MSTF, stanno utilizzando il test C3d per l'assegnazione finale degli anticorpi. Medici e chirurghi che lavorano a stretto contatto con MSTF hanno imparato a fidarsi dei risultati del test C3d in modo tale che gli anticorpi IgG+/C3d+ siano automaticamente considerati inaccettabili in UNET. Hanno previsto che tale approccio avrebbe incrementato l'idoneità del ricevente a potenziali opportunità di trapianto. Ad oggi, sono stati trapiantati con successo 9 pazienti con anticorpi IgG+/C3d- che in precedenza sarebbero stati classificati come non trapiantabili. Questi pazienti non hanno formato anticorpi specifici control il donatore dopo il trapianto e non sono state osservate disfunzioni o perdite del trapianto. Per questi candidati al trapianto, identificare quali anticorpi fissano il complemento C3d e quali no, ha fornito un percorso verso il trapianto.

"Crediamo che il kit di rilevamento LIFECODES C3d sia il miglior indicatore del fissaggio del complemento oggi disponibile sul mercato. Conoscevamo già il LIFECODES Single Antigen Assay ed il software MATCH IT!, quindi aggiungere il test C3d Detection è stato per noi facile.”
– Brett Loehmann, responsabile/supervisore del laboratorio di istocompatibilità

Guardiamo oltre i limiti

  • Trasfusione
  • Trapianto
  • Trasforma una vita